Skip to content

di Antonella Gramigna

“LA NOSTRA OSSESSIONE É LA QUALITÀ” Faccendi e la sua storia

Un luogo che ricorda molto gli immensi loft neworkesi, quello di “Tanta Roba by Faccendi” a Valenzatico. Entrando si percepisce un’atmosfera di benessere, eleganza, accuratezza e alta qualità, doti della pasticceria di Francesco Faccendi, e Carlotta Malinconi, compagna di vita, mamma del loro figlio, nonchè cofondatrice della loro attività e musa ispiratrice di molte delle ricette...

1 Dicembre 2023

Un luogo che ricorda molto gli immensi loft neworkesi, quello di “Tanta Roba by Faccendi” a Valenzatico. Entrando si percepisce un’atmosfera di benessere, eleganza, accuratezza e alta qualità, doti della pasticceria di Francesco Faccendi, e Carlotta Malinconi, compagna di vita, mamma del loro figlio, nonchè cofondatrice della loro attività e musa ispiratrice di molte delle ricette di Francesco, che rispecchia l’amore e tanti sacrifici che hanno messo nel loro progetto.

La storia di Francesco Faccendi nasce da lontano, da addetto alla filatura, a Prato, passa poi come autodidatta nella ristorazione, da sempre nelle sue corde.

Da bambino- ricorda- al posto della ninna nanna, mi raccontavo le ricette dei dolci, tutti gli ingredienti come una litania, per addormentarmi.

Non è stato sempre facile la vita per Francesco, nella sua vita sono stati tanti i momenti bui e dolorosi da dover superare, comprese le disponibilità economiche che sembravano impedire la sua ascesa. Ma, possiamo dirlo, la tenacia ha avuto la meglio e, con il tempo necessario, è riuscito insieme a Carlotta a coronare il suo sogno mettendo in piedi un’azienda con, oggi, 24 collaboratori.

“Il mio primo locale di ristorazione non è stata esperienza positiva, a causa di tanti inciampi, anche perdite importanti, come mia mamma. Da lì sono ripartito da Zero. Ho lavorato come chef free lance, ed anche come pasticcere. Poi, l’incontro con Carlotta ha dato una svolta alla mia vita. Abbiamo piano piano pensato ad un luogo che potesse rappresentarci, far parlare di noi, e darci una nuova possibilità” prosegue: 
Non mi vergogno a dirlo.- racconta Francesco- abbiamo lottato tanto, tanto, e per tanto tempo ho dormito sui sacchi della farina, per dedicare il più tempo possibile al laboratorio, per studiare ricette nuove e di qualità. Grazie a Carlotta, musa ispiratrice, ma anche grande spalla nel lavoro e nella vita, oggi ne vediamo i risultati”.

E prosegue: “ Se tutto il gruppo Faccendi esiste è merito suo, di ciò che è riuscita a trasmettere con i suoi metodi e le attenzioni che hanno caratterizzato molte cose uscite dai nostri laboratori. La sua arte è una dote innata che ha fatto la differenza in tante cose che proponiamo. L’amore che ha dimostrato nel tempo è la prova tangibile di ciò che vi stiamo dicendo.”⁣

Nel 2012 Carlotta Malinconi corona una sogno: apre la cioccolateria artigianale: Faccendi ChocolateNata nella farina fin da piccola, Carlotta ha proseguito la carriera in posti molto famosi. Ha sempre continuato a imparare e a crescere con la curiosità di chi ha appena iniziato questo lavoro, e ancora oggi si emoziona. E lo si legge nei suoi occhi mentre si racconta.

“Tutto è partito da una grande scommessa di cui certamente nessuno immaginava i risultati poi ottenuti” racconta.

L’unione di due anime che credevano, e credono tutt’oggi, nell’idea di una pasticceria di alta qualità, innovativa, e anche sperimentale, con l’ambizione di arrivare a toccare le più alte vette della pasticceria e i più ambiti riconoscimenti, che in parte hanno già ottenuto.

L’utilizzo di materie prima di alta qualità, accuratamente selezionate noi realizziamo nel nostro laboratorio, oltre alla cioccolateria, pasticceria fresca ogni giorno, oltre a piatti espressi per la “ pausa pranzo” e simpatici aperitivi con taglieri, per la sera.

Ad oggi la Faccendi può vantare importanti traguardi, quali le due torte del Gambero Rosso, riconoscimento ormai rinnovato da tre anni, la vittoria del programma Cake Star la scorsa primavera e, non per ultimo, una quotidiana conferma del loro buon lavoro data dall’affluenza costante di molti clienti e dalle richieste dei suoi prodotti anche dall’estero.

“ A proposito dell’esperienza di Cake Star – racconta Francesco- vorrei raccontare come tutto è nato. Pensavo fosse uno scherzo, la telefonata che per caso, in un giorno qualunque, mi è arrivata. Non era una burla, era tutto vero, questa telefonata che mi invitava a partecipare ad un programma, ha rappresentato per me una bella svolta…”

E così che nasce ”Tanta roba”, la torta che è diventata Cake Star, e che ha dato anche il nome al locale.

Fu proprio Carlotta che, in seguito alla partecipazione al programma, riuscì a stimolarlo con la richiesta : “realizza una torta pensando a me”. Lui, mise in moto la fantasia e la bravura , e conoscendo i suoi gusti, cercò di assemblare, con maestria, gli ingredienti tanto da farne un prezioso dessert.

Una crostata moderna composta con pasta frolla al sesamo, mousse al cioccolato fondente, crema chantilly, tre strati tra cui marmellata di lampone, uno strato croccante di cioccolato fondente e uno di caramello salato, per concludere con una glassa al cioccolato fondente e lamponi freschi.

Non è l’unico successo a firma Faccendi, molti sono i buonissimi dolci che troverete presso il suo locale, tutti degni di nota. In questo periodo non poteva mancare l’accenno ai suoi fantastici panettoni realizzati con il lievito madre: dal gusto tradizionale con uvetta e canditi per arrivare al Ruby, cioccolato rosa con amarene e lamponi, arancia e cioccolato, pistacchio glassato, cioccolato nero glassato, aromatizzati al limoncello o al rum e cioccolato o al vinsanto e la novità di quest’anno è il panettone al caramello salato realizzato con il cioccolato al caramello e servito con una crema al caramello salato da aggiungere al momento del taglio.
L’arte della pasticceria è una forma affascinante di espressione culinaria, che richiede precisione e creatività nella creazione di dolci deliziosi, ed anche esteticamente accattivanti.
La sfida di Francesco , in questo caso, è stata quella di trovare le farine giuste : “ Tante ne ho provate..! “afferma, e lavorare affinchè l’impasto e l’alveolatura interna riuscisse come lui voleva, con quei grandi buchi che rendono il panettone altamente soffice, per tutte le varianti, con l’amore, la cura e la precisione certosina che lo caratterizza da sempre.

La famiglia per Francesco, cosa rappresenta?

“ La mia grande fonte di energia e di ispirazione! E’ stato mio figlio Guido a dar vita al panettone Pan Di Guido”: un panettone semplice, che porta il suo nome, senza uvetta e canditi proprio adatto ai bambini, e per il quale lui stesso ha ideato un bellissimo disegno diventato il packaging del panettone.

Dietro, una meravigliosa dedica del suo babbo : Fatto dall’ amore del babbo verso il figlio”.

Questo articolo fa parte delle categorie:SPAGHETTI W&S